Proteste contro il green pass in tutto il mondo

0

Proteste contro il green pass in tutto il mondo

No al green pass in tutto il mondo. Il disagio dovuto alle restrizioni imposte dalla crisi del coronavirus sta ribollendo in diversi paesi. Questo fine settimana decine di migliaia di persone hanno manifestato in varie parti del mondo contro le limitazioni imposte dai governi per contenere la pandemia, che è entrata in una nuova fase critica a causa della crescita della variante delta – fino al 60% più contagiosa.

Le principali manifestazioni hanno avuto luogo in Francia e in Italia, i cui leader hanno deciso di penalizzare le persone che non sono vaccinate, impedendo loro di entrare in bar, ristoranti, cinema e teatri. Migliaia di persone stanche delle restrizioni hanno manifestato anche a Sydney, la città più popolosa dell’Australia, un paese che applica un contenimento di ferro non appena si verifica un’epidemia.

Queste proteste coincidono con un momento delicato nell’evoluzione della pandemia, con la vaccinazione che ristagna in alcuni paesi sviluppati e non riesce a decollare in quelli con meno risorse. Inoltre, le nuove varianti hanno cambiato una delle premesse delle strategie di vaccinazione dei paesi: sarà necessario vaccinare più del 70% della popolazione, più dell’80% e anche vicino al 90% per raggiungere l’immunità di gregge.

E il numero complessivo di nuove diagnosi è aumentato del 12% rispetto alla settimana scorsa, secondo l’aggiornamento epidemico settimanale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. A livello globale, i nuovi casi sono cresciuti a un ritmo di quasi mezzo milione al giorno rispetto ai 400.000 di una settimana prima. E con l’aumento delle diagnosi di coronavirus, i decessi sono in aumento: “Dopo un calo costante per più di due mesi, il numero di decessi settimanali segnalati è stato simile alla settimana precedente, con quasi 57.000 morti segnalate”, dice l’OMS. La pandemia ha già causato la morte di più di quattro milioni di persone.

Proteste contro il green pass in tutto il mondo
Proteste contro il green pass in tutto il mondo

In questo scenario globale, decine di migliaia di persone sono scese in piazza questo sabato in tutta la Francia per la seconda settimana consecutiva per protestare contro il certificato sanitario, la nuova regola del governo di Emmanuel Macron che cerca, con severe restrizioni alla vita sociale, culturale e sportiva di chiunque non sia ancora vaccinato, di costringere la popolazione ancora riluttante a farsi immunizzare contro il covid-19. Le proteste contro queste misure, che sono ancora in discussione in Parlamento, e che prevedono anche la vaccinazione obbligatoria per alcuni professionisti, soprattutto gli operatori sanitari, si sono diffuse in tutto il paese. Secondo il ministero dell’Interno, almeno 161.000 francesi hanno partecipato alle manifestazioni, contro i 114.000 del sabato precedente. A Parigi erano appena 11.000, ma l’adesione dei gilet gialli, il movimento di protesta sociale che ha messo alle corde l’esecutivo francese tra il 2018 e il 2019, ha causato alcune tensioni. In cifre aggiornate domenica, l’interno ha detto che 71 persone sono state arrestate nelle proteste, 24 delle quali nella capitale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.